Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Avenged Sevenfold: Mad Hatter
In fondo è solo un pezzo di un videogioco, no?
↤ Tracce

Indovina chi scopiazzano, questa volta?

Avenged Sevenfold
Mad Hatter

Il nuovo brano degli Avenged Sevenfold non è l’anticipazione di un disco in uscita, per quanto ne sappiamo. S’intitola Mad Hatter e andrà a far parte della colonna sonora di Call of Duty: Black Ops 4.

Non è che sia così esaltante, in linea con tutta la produzione da Hail To The King in poi. Sono cinque anni, appunto, che il gruppo californiano non riesce più a esaltare chi aveva creduto in loro ai tempi di City of Evil e dell’omonimo del 2007. Viceversa, M. Shadows e soci continuano a offrire le chiappe alla miriade di hater in espansione continua.

Negli ultimi tempi gli Avenged Sevenfold insistono in questo giochetto citazionistico in cui in un brano sembrano i Pantera, in uno i Metallica e in un altro ancora i Nirvana. Non parliamo di influenze, ma veri e propri sberleffi ai limiti della provocazione impunita.

Qui il toto-plagio inizia subito con l’intro, che pare Aerials dei System Of A Down, e prosegue col ritornello, rielaborato su un qualsiasi brano dei Soundgarden da Superunknown in poi.

Peccato: gli Avenged Sevenfold avrebbero un proprio stile riconoscibile e che fa a pugni con queste escursioni mimetiche nei panni di qualcun altro.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?
.