Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Aphex Twin: T69 Collapse
Aphex, vieni a giocare con noi!
↤ Tracce

La rivoluzione è terminata; è rimasto un gioco elegante, divertente e acido.

Aphex Twin
T69 Collapse

Come sempre, nella musica come nella vita, è una questione di aspettative. Se fai partire il pezzo e quel che vorresti è una gioia immensa che cancelli tutto ciò che c’era prima e riveli cose che non avevi mai notato, allora si potrebbe aspettare anche all’infinito.

Pochi sono i rivoluzionari, anche oggi. Aphex Twin lo è stato (per alcuni no: lo sappiamo, lo sappiamo…), ma ora non lo è più.

↦ Leggi anche:
Leon Duncan: Nintendo Dub

La domanda è: ha senso fare ancora questi ragionamenti? Non basterebbe prendere Richard D. James e goderselo per quel che è, e cioè puro, giocoso divertimento sonico?

T69 Collapse – incredibile! Un titolo intellegibile! – sta in quella parte della produzione del Nostro maggiormente dedita alla cura del versante ritmico, dove l’atmosfera tra l’acido e il sognante sopra i pattern crea un soffice contrasto con i tanti dettagli a livello di beat sintetico.

Le cose belle: il video accelerazionista/psichedelico, la parte centrale quasi techno/gabber e la sezione finale simile alla prima, ma con velocità modificata. Lo ripetiamo: se alcuni pensano che da gente così debba ancora arrivare roba straniante e/o sovversiva, tipo gli insuperabili Autechre, allora non troverà soddisfazione qui.

Se invece ci si vuole godere il momento, Aphex Twin offre sempre un pacchetto vincente. Un gran bel divertimento, con il ghigno malefico sul viso.

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.