Humans vs Robots
 
Stephen Malkmus & The Jicks: Bike Lane
The boy with the thorn in his side
↞ Playlist

Uscire dalla borghesia, ma non dal mito (quello mai).

Stephen Malkmus & The Jicks
Bike Lane

Lessi una volta una considerazione sull’essere borghesi. In sintesi, a parte le questioni economiche, essere borghesi significava rivolgersi all’interno e mai all’esterno, preferire l’introversione all’estroversione. E qui mi vengono in mente varie coppie opposte, come politico/privato o sociale/intimo. In musica, questa roba si tradurrebbe con un grafico in cui a un opposto ci sono i Rage Against The Machine e, all’altro, i Belle and Sebastian.

Bike Lane proviene dall’ultimo disco di Stephen Malkmus & The Jicks. Malkmus è un borghese: uno che con i Pavement ha scritto una pagina importante dell’indie rock americano degli anni ‘90 Uniti, ispirato dal postmodernismo nei testi e i cui suoni e le cui canzoni non parlavano mai del mondo esterno, se non come sberleffo intellettuale.

Invece questo brano certifica l’apertura di Malkmus verso l’esterno: la sua uscita dalla dimensione borghese (appunto), almeno per un attimo. Se tutto questo discorso vi sta annoiando, considerate che Bike Lane parla di un fatto politico: l’uccisione di Freddy Gray, l’afroamericano venticinquenne “morto di polizia” a Baltimora nel 2015. Una cosa del genere non l’aveva mai fatta.

E poi, soprattutto: è un pezzo meraviglioso, tra i migliori esempi di pop chitarristico possiate trovate oggi in giro, con il suo misto di melodia, Sonic Youth e derive blues psichedeliche nelle fughe sonore.

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)