Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Mudhoney: Paranoid Core
Pure grunge! Pure noise! Pure shit!
↤ Tracce

Da qualche parte tra il caro, vecchio garage rock e un testo alla Dead Kennedys.

Mudhoney
Paranoid Core

Le grandi notizie sono due. La prima è che i Mudhoney sono tornati con una nuova canzone, il primo estratto dal decimo disco in studio del gruppo che uscirà a fine settembre. La seconda è che la band più longeva di Seattle pare oggi, dopo trent’anni di onorata carriera, ancora in ottima forma.

La loro proposta musicale, se si escludono le sonorità dilatate e psichedeliche di Since We’ve Become Translucent, è sempre rimasta più o meno la stessa. Ascoltare un nuovo pezzo dei Mudhoney nel 2018 fa l’effetto di vedere un vecchio film di Russ Meyer. Dopo un secco riff distorto sai già che entra la sezione ritmica, sulla quale s’innesta la voce scomposta di Mark Arm – così come nei film del re dei b-movie a una scena di sesso ne seguiva una di corse in macchina. D’altronde, voi cambiereste gli ingredienti della carbonara?

↦ Leggi anche:
Io sto con la band (conversazione con i Mudhoney)
Mudhoney: I Like It Small
Mudhoney: Overblown

Quello che invece stupisce della nuova Paranoid Core è il testo (si parla di robot e alieni drogati che rubano lavori e che stuprano le mamme, ed è solo il primo verso!), che ricorda da vicino quelli irriverenti e sarcastici di Jello Biafra dei bei tempi che furono coi Dead Kennedys. Dice il cantante: «Il mio senso dell’umorismo è sempre stato dark e questi sono tempi oscuri; quindi credo che sia diventato ancora più dark».

Curiosità: il nome della band è stato scelto nel 1988 come tributo al film Mudhoney, girato proprio da Russ Meyer nel 1965. Nessuno del gruppo, al tempo del “battesimo”, lo aveva effettivamente visto.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.