Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Liars : Liquorice
Gli ultimi vagiti della coppia che fu
↤ Tracce

Una colonna sonora che tira fuori il thrilling che è in loro.

Una pista da ballo malata e piena di glitter, ma senza gente a popolarla. Almeno, non gente normale. È il teatro che nasce dall’immaginazione di chi scrive ascoltando Liquorice, brano dei Liars uscito da poco. Un pezzo che fa parte della colonna sonora di 1/1, debutto alla regia di Jeremy Philips. Si tratta di composizioni messe assieme dopo l’album Mess del 2014, quando ancora i Liars erano un duo: oltre all’ormai solo titolare Angus Andrew, unico superstite della formazione storica, anche Aaron Hemphill, ai tempi ancora dentro alla “cosa”.

In Liquorice, infatti, si sente la stessa possanza grossolana e industriale di quel disco: i bassi muscolari, la saturazione quasi techno dei suoni, la ritmica dance malevola. Industriale ma allo stesso tempo quasi-kitsch, thrilling come una colonna sonora alternativa per il Terminator originario, se uscisse oggi – film che, non a caso, ragionava molto sul corpo: qualcuno ha detto EBM?

Non c’è il canto, qui, a rendere il tutto forse ancora più distaccato. Ma oggi l’elettronica più radicale è ormai virata su intelligenza artificiale, algoritmo & politica. Quella dei Liars, invece, è ancora legata al rito del ballo, come dei Prodigy più illuminati (e ugualmente maligni).

Musica malsana, cattiva, tignosa. Ma in qualche modo umana.

//