Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Descendents: Pavlov’s Cat
Skate or die
↤ Tracce

È giunta l’ora di appendere lo skate al chiodo?

Descendents
Pavlov’s Cat

I leggendari Descendents, per me, hanno sempre significato una sola cosa: skateboard. Ogni qualvolta, da teenager, mettevo una loro musicassetta nel walkman, tutto ciò che mi veniva voglia di fare era salire sulla tavola e andare in giro per la città.

Correva l’anno 1996 o giù di lì e tutti ascoltavano gli Offspring, i NOFX, i Pennywise e compagnia bella. L’hardcore melodico che aveva preso in prestito le idee migliori dei Bad Religion e dei Descendents e, opportunamente limate le impurità (a.k.a. rendendo più accessibile questo sottogenere), era riuscito a salire nei piani alti delle classifiche di mezzo mondo. Smash, Punk in Drublic e About Time vendevano migliaia di copie, milioni in certi casi: Everything Sucks – al pari di quel piccolo capolavoro di The Quickening dei Vandals – lo ascoltavamo in quattro persone, invece.

↦ Leggi anche:
Descendents: On You

A due anni di stanza dal discreto Hypercaffium Spazzinate, i Descendents sono tornati con un nuovo pezzo che non morde e non graffia come quelli del passato. Insomma, non ho avvertito quel riflesso condizionato studiato da Pavlov che avrebbe dovuto farmi salire sullo in skate.

Il cantante (e biochimico) Milo Aukerman oggi ha cinquantacinque anni; io rimango una schiappa sulla tavola e forse anche la parabola artistica dei Descendents, come quella di molte altre grandi HC punk band dei bei tempi che furono, si avvia verso la conclusione.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.