New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Anti-Flag: Trouble Follows Me
Incontri poco raccomandabili sotto un cavalcavia

Cori da cantare dal vivo e la giusta dose di rabbia sociale (nell’ordine che preferite).

Ammettiamolo: oggi una nuova (buona) canzone non cambierà la (buona) carriera ultra-ventennale degli Anti-Flag o le sorti della scena punk in generale.

Quel che può realisticamente fare un pezzo gradevole come questo, però, è stampare un sorriso sulla faccia di chi la ascolta, e magari fargli urlare “Woo-oh-oh! Woo-oh-oh!”.

La dote degli Anti-Flag è proprio questa: riuscire a scrivere una canzone che, nel 2018, inizi con «Alright / Here We Go!» e che, entro dieci secondi dalla prima pressione del tasto “play”, ti faccia canticchiare e battere il piede. Non è cosa da tutti, ma Justin Sane ha un tocco magico per il punk canticchiabile e, a quarantacinque anni, sa ancora come si scrive un brano vincente di tre minuti, trovando ancora dentro di sé – o nel manuale dei “trucchi” – quell’obbligatoria rabbia sociale da convogliare nel testo.

Il video – diretto da Alexey Makhov e filmato a Bratislava durante il recente tour europeo, in supporto al nuovo disco American Fall – non è niente di rivoluzionario: c’è la band che suona dal vivo, ci sono un po’ di primi piani dei fan slovacchi, ci sono molti graffiti moderni (insomma: anti-Trump). Però, proprio come la canzone, mette di buon umore e lascia inconsciamente la sensazione di aver fatto un po’ di sana protesta sociale (quella buona per le bacheche di Facebook).

Trouble…, ai concerti, farà sicuramente sfracelli, fra cori e pogo. Sfogatevi anche un po’ a casa, quando serve.

Anti-Flag 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!