Iggy Pop & Underworld : Bells & Circles
Born slippy
 
← Music discovery

Iggy ha nostalgia del fumare negli aerei; gli Underworld gli passano un accendino elettronico bello potente.

Iggy Pop & Underworld
Bells & Circles

Andrea Macrì
Andrea Macrì

La patina di lontananza quasi sottomarina dell’incipit del pezzo è una piccola discesa scollegata da ciò che l’Iguana canta. I bei tempi andati, la denuncia di tempi devastati come quelli attuali (in parte ironica), le ali del ritornello che prendono il volo sonoro da una rincorsa.

D’altronde, Iggy Pop e gli Underworld sono decenni che si rincorrono – se state pensando a Trainspotting, ci avete preso. La rincorsa è il suono che parte da lontano per arrivare al ritornello e alzarsi da terra.

Bells & Circles è sonicamente la versione più danzereccia e allo stesso tempo aggressiva degli Underworld: meno dalla parte gioiosa degli anni ‘90, più da quella techno-jungle, incarnata da loro stessi e dai Chemical Brothers – ma con sprazzi che includono la contemporaneità elettronica, quantomeno per quella grana di remoto, di perduto (qualcuno ha detto dubstep?). Come a dire: togliamo l’amore di quegli anni, ci mettiamo questa disillusione che tutto avvolge del presente.

Iggy, invece, declama uno spoken word trafitto da un coro caciarone nel ritornello, in cui l’esperienza di fumare come passeggero di un volo di linea diventa lo spioncino per osservare il mondo che cambia, dalla sua prospettiva parziale ma duplice: l’aereo del testo, il terreno e potente che sfonda i timpani – con classe – del tappeto sonoro sotto di lui. Dio li benedica. Dio li faccia volare.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy