New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

HMLTD: Pictures of You
Ragazzi acqua e sapone

Sconsigliata la visione ai bambini (soprattutto se accompagnati da un adulto che cerchi di spiegar loro che cosa stia succedendo).

HMLTD starebbe per “Happy Meal Ltd.”. E qui finisce la parte che possono ascoltare anche i bambini.

A voler essere precisi, fino poco tempo fa gli HMLTD si chiamavano sul serio Happy Meal Ltd. Quando però si son palesati i legali di McDonald’s, e hanno espresso tutte le loro perplessità sulla reale efficacia di nome del genere in relazione al target di pubblico cui il gruppo si voleva rivolgere, i ragazzi hanno acconsentito a sostituirlo con il suo codice fiscale.

Brutta storia. E i particolari scabrosi non faranno che aumentare andando avanti. La buona notizia è che, messi a letto i piccoli, possiamo ufficialmente uscire dalla fascia protetta e sguazzare nel torbido felici come dei porcellini prima del macello.

Formatasi nel 2016 a seguito dell’adunata in quel di South London di un manipolo di sbandati provenienti da ogni dove (Grecia, Parigi, Devon rurale e qualche altro posto sconosciuto anche a Google Maps), in meno di due anni la band inglese è già entrata nella Top 100 Cool List di Dazed, oltre a essersi guadagnata etichette entusiastiche come “the UK’s most thrilling new act” (NME) o “the real fucking deal” (Loud and Quiet).

La rapidità della scalata fa supporre sia avvenuta solo in minima parte grazie alla musica e alle canzoni, ma più che altro per merito di un ambaradan carnascialesco fatto di assurdi outfit “gender fluid”, filmati grotteschi e disturbanti, performance live a tema e scenografie dedicate per ogni concerto (un B-movie horror, il Monte Olimpo con tutta la schiera degli dei greci, il Paradiso completo di nuvole fatte di ovatta e bambole gonfiabili volanti nel ruolo di cherubini che distribuiscono rossetti e mascara).

Insomma, immaginatevi Ziggy Stardust che se la fa con Peaches mentre Annie Lennox e Boy George guardano ammiccanti, i Prodigy che suonano una cover neo-romantic dei Frankie Goes to Hollywood, un triangolo erotico tra i Bauhaus, Skrillex e Billy Idol con Prince che scatta foto di nascosto e le mette online a loro insaputa. Il tutto in mezzo a una sfilata di Gucci.

Parodie a parte, visto l’imminente Pride e le polemiche che come ogni anno ha già suscitato, il tentativo di affrontare in maniera così diretta tematiche delicate legate all’universo LGBT è comunque da apprezzare. Peccato che provenga da una band i cui componenti sono tutti dichiaratamente etero, lasciando a molti un retrogusto di dubbio: è la prova che la questione è finalmente uscita dalla sua nicchia o solo un maldestro tentativo di cavalcarne l’hype da parte di chi non sa bene di cosa stiamo parlando?

HMLTD 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!