Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ty Segall & White Fence : Good Boy
Quei bravi ragazzi
↤ Tracce

Il suono è vintage, acido e sporco; quello di sempre, insomma.

Ty Segall & White Fence
Good Boy

I Beatles, il glam, il garage e l’acid rock: fosse stata una roba di metà anni ‘70 avremmo gridato al miracolo. Invece siamo costretti ad adagiarci su una gradevole normalità, oggi, con questo Good Boy, parto delle menti di Ty Segall e White Fence (al secolo Tim Presley). Brano che anticipa il nuovo album del duo, Joy, in uscita a luglio.

Più Ty Segall che White Fence, a dirla tutta, questo antipasto del successore di Hair, uscito ormai sei anni fa: votato maggiormente alla componente sexy-psych che a quella puramente pop, anche se non mancano le svenevolezze e la melodia. Ma parliamo di piccoli dettagli.

Comincia con batteria, voce e chitarra classica e si capisce che, nonostante il piglio di Presley, la robustezza è quella fragorosa di Segall. Ci sono i Kinks e la psichedelia, le pause carezzevoli e i contrappunti agri, con assoli discreti che non cercano mai di stare in primo piano.

Un piccolo assalto al passato che non s’interessa affatto ai nuovi suoni, che carica a testa bassa senza pensare a nessuno, se non al proprio suono e – si sente – al divertimento dei due autori.

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.