Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Dead Sara: UnAmerican
... e ora, andate tutti affanculo
↤ Tracce

“Fuck you Donald Trump” è solo l’inizio.

Dead Sara
UnAmerican

Ne è passato di tempo da quando Emily Armstrong, la cantante dei Dead Sara, veniva convocata da Courtney Love per cantare sul disco “di reunion” delle Hole, l’insipido Nobody’s Daughter, o da quando Dave Grohl dichiarava in diretta radio che «Dead Sara should be the next biggest rock band in the world». Ne è anche passato un po’ da quando alla Casa Bianca sedeva il democratico Barack Obama (e chiunque avrebbe sorriso al solo pensiero che il suo posto sarebbe stato preso da un tycoon appassionato di wrestling, con un passato da costruttore di edifici di dubbio gusto e da celebrità di reality show).

È proprio Donald Trump uno dei bersagli del nuovo singolo dei Dead Sara: tra la voce iperdistorta della Armstrong, una raffica di “fuck” e i riff sparati dalla chitarra di Siouxsie Medley, la band di Los Angeles ritorna con la prima canzone inedita dai tempi di Pleasure to Meet You di tre anni fa. Il testo di UnAmerican manda affanculo non solo il presidente, ma un po’ tutto l’ideale moderno dell‘“American way of life” e, se da una parte riporta alla mente i fasti degli Avengers di The American in Me, dall’altra riesce a essere più efficace di mille parole nel far capire cosa significhi essere americani – o meglio, un certo tipo di americani, perché qualcuno Trump l’avrà pure votato… – in questo periodo.

Jack White, in una recente intervista, si è detto convinto che una prossima rivoluzione rock’n’roll sia imminente. Confidiamo nella sua profezia e chissà che non siano proprio i Dead Sara a guidare il prossimo rinascimento rock.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.