Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ash: Buzzkill
Rock you like a hurricane
↤ Tracce

Invecchiare e migliorare, contemporaneamente? Difficile, ma non impossibile.

Ash
Buzzkill

Non hai nemmeno vent’anni, hai appena finito la scuola superiore e, pochi mesi dopo, il disco di debutto ufficiale del tuo gruppo diventa un grande successo commerciale (approfittando dell’onda lunga del Britpop e del pop punk, ma proponendo un suono sostanzialmente diverso).

L’anno era il 1996; l’album, 1977; la band, gli Ash. La cui carriera da quel momento è stata costantemente in salita. Un po’ come se dovessero sempre dimostrare di averla proprio meritata, quella “fortuna” (vero che capitarono al posto giusto e al momento giusto, ma è anche vero che quelle canzoni erano quasi perfette).

Forse i tre irlandesi non sono dei geni assoluti. Forse hanno patito più del dovuto “l’ansia da prestazione”. O forse hanno pagato un prezzo troppo elevato alla fama precoce, nel complesso, perché non ricordiamo lavori brutti a loro firma. Anzi: superata la crisi di mezza giovinezza di una decina d’anni fa, stanno riprendendo a carburare a pieno regime.

Dopo Kablammo! del 2015, a metà maggio circa arriverà il nuovo Islands. Un paio di singoli lo hanno già anticipato: il più recente Annabel (bel video, tra l’altro) e il più “datato” Buzzkill. Preferiamo quest’ultimo, se non altro per la partecipazione ai cori di un paio di membri dei mitici Undertones, ma sono dettagli.

Il punto è che oggi nessuno fa (mainstream) power pop così bene come gli Ash, probabilmente. Il che fa di loro un nome persino sottovalutato.

Angelo Mora
Angelo Mora

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.