Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Arctic Monkeys : Four out of Five
Alex Turner se ne frega dei vostri giudizi
↤ Tracce

“No chitarre” equivale a “No Arctic Monkeys”? Naaaa.

Arctic Monkeys
Four out of Five

“Oddio, ma gli Arctic Monkeys sono senza chitarre! Peggio: sono senza canzoni!”: questo è il ritornello che gira in rete a proposito del nuovo disco del quartetto di Sheffield. Sono critiche sensate? La prima, forse (anche se le chitarre ci sono; meno, ma ci sono); la seconda, proviamo a valutarla con questo singolo.

Una cosa da dire subito: gli Arctic Monkeys sono un gruppo sopravvalutato. Attenzione: non parliamo di qualità della musica, ma di status. Gli affezionati del rock, visto il sorpasso nell’immaginario giovanile da parte di hip hop e R’n’B, contavano su di loro per far vedere quanto “la musica con chitarre fosse meglio”. Ma a chi scrive pare che a questi musicisti non interessi affatto diventare simboli di una guerra tra nicchie: lo status è una cosa, ma loro puntano semplicemente a suonare, comporre, andare avanti senza il chiacchiericcio esterno.

E questo li rende non solo musicisti davvero indipendenti, ma artisti di una certa caratura. La gente voleva più chitarre, loro hanno fatto quel che volevano. Che piaccia o meno, scelta rispettabile: stimoli nuovi per non morire nella stagnazione.

Nella lotta per far tornare il rock alla sua origine (il corpo, il sesso), le Scimmie recuperano uno stile in cui mischiano glam e crooning: vintage in tutto e per tutto, ma profondamente personale e votato al sensuale. In Four out of Five la batteria mixata così “avanti” e accompagnata dall’organo crea un incontro tra lo spaziale del testo e il corporeo del canto di Turner e del coro. L’immaginario di un hotel lunare in cui rilassarsi è il futuro/quasi presente che, chi lo sa, dovremmo magari vivere come nel verso «Take it easy for a little while».

Quel ritornello perfetto che è Bowie qui ed ora, ma più postmoderno ancora. E Alex Turner pare il cantante più verboso del pop: come se volesse riempire di dettagli ogni anfratto del brano. Come se avesse paura di annoiare – ma noi non ci annoiamo affatto.

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.