Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Alice In Chains: The One You Know
Più le cose cambiano, più rimangono le stesse
↤ Tracce

Dinosauri vivi, vegeti e ispirati.

Alice In Chains
The One You Know

Fu il diavolo a piazzare i dinosauri sulla terra, dicevano qualche anno fa. E non si sa quanto questo sia ancora buono per coloro che molto spesso vengono considerati tali. Mostri sacri. Leggende. Miti. Forse per la stazza, forse per il tempo passato in cui dominavano i loro territori, forse anche per il dibattito sulla loro estinzione.

Sono già più di trenta, gli anni intercorsi dalla nascita del gruppo americano. Nonché sedici dalla morte del loro frontman storico, nove dalla riformazione e cinque dall’ultimo album in studio. In mezzo, svariati milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

↦ Leggi anche:
Jerry Cantrell: Atone

Numeri importanti per arrivare, dunque, a ciò che in realtà già si conosce (ma non cessa di stupire in positivo): gli Alice In Chains dell’era William DuVall. Un personaggio a cui si è voluto bene fin da subito, nonostante la posizione scomoda che andava a occupare. I due lavori del rientro – in particolare Black Gives Way to Blue del 2009 – non sono stati affatto male: una delle poche volte in cui l’operazione di recupero di un nome storico abbia portato a risultati artistici del tutto soddisfacenti.

In The One You Know, ancora una volta, il riff di Jerry Cantrell è quello giusto e il ritornello e le voci funzionano immediatamente, ma senza calligrafismo gratuito: sono i “soliti Alice”, per il marchio di fabbrica inimitabile e l’elevata qualità compositiva, ma non è la “solita canzone degli Alice” (ed è bello riascoltarla per cogliere sfumature e sottigliezze preziose).

Il DNA dei dinosauri di Seattle unito a un’ispirazione sempre e comunque contemporanea: mentre Layne Staley riposa in pace, come gli auguriamo, la lezione di credibilità degli Alice In Chains prosegue brillantemente.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  Punk  May 2018  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?
.