New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Snow Patrol: Life On Earth
Ottimizzazione dello “spazio” e design d’interni nord-europeo

Bentornati, nonostante tutto.

Quando si usa la parola “iato”, parlando di una band, in genere si fa riferimento a un break, una pausa di riflessione, un’interruzione dell’attività musicale per un tempo più o meno indefinito. In pratica, è un modo radical-chic di spiegare che il gruppo si è sciolto, ma già si teme una reunion. Per dire, i Tool entrano puntualmente “in iato” tra ogni disco e il successivo: così, per non far calare la tensione.

Lo iato degli Snow Patrol è durato sette anni ed è stato un po’ più complicato del previsto, dato che Gary Lightbody li ha passati, nell’ordine, a: 1) sniffare cocaina 2) bere come una spugna 3) smettere di sniffare 4) smettere di bere 5) deprimersi perché che senso ha una vita senza droga e alcol? 6) riprendersi dalla depressione senza ricominciare ubriacarsi e a tirar su strisce di svariati centimetri di lunghezza 7) buttar giù qualche idea per un album nonostante il conseguente “blocco dello scrittore”, dovuto all’elevato numero di neuroni bruciati.

Poi è andata che è tutto bene quel che finisce bene, nel senso che Wildness uscirà a fine Maggio e il (non più) ragazzo sembra stare decisamente meglio, anche se ha capito che questo nostro pianeta non è esattamente il posto più adatto per prendersi cura del proprio equilibrio: troppi milioni di copie venduti, troppi dischi di platino, troppe nomination a Grammy, Brit Awards e Mercury Prize.

Troppe tentazioni, insomma: o hai l’esperienza di Chris Martin in materia o rischi di sbroccare sul serio. E allora meglio un ritiro ascetico nello spazio, a guardare la Terra da lontano, crogiolandosi in dubbi amletici del tipo «Shouldn’t need to be so fucking hard / this is life on earth».

Girato all’interno dell’European Space Agency in Olanda e dato in anteprima all’astronauta inglese Tim Peake invece che a NME, questo nuovo singolo ti lavora in testa come un tarlo (e come tutte le migliori canzoni degli Snow Patrol), provando a battere una strada già tentata in Italia da Fabio Fazio con Samantha Cristoforetti: prendere le missioni in orbita e riportarle a un livello di mainstream paragonabile quello dei tempi d’oro della corsa allo spazio.

Battute a parte, la scia di suicidi eccellenti che il gran carrozzone del music business ci ha lasciato in dote, in questi ultimi anni, ci ha insegnato che il successo non sempre va a braccetto con la felicità e quindi, per una volta, forse conviene lasciar perdere l’effettivo valore del pezzo e rallegrarci semplicemente che il suo autore abbia (ri)trovato la forza per portarlo alla luce.

Snow Patrol 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!