Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Reef: My Sweet Love
«Sheryl, datti una mossa col trucco!»
↤ Tracce

Il rock da classifica, anche se le classifiche non contano (quasi) più niente.

Reef
My Sweet Love

La scena rock britannica degli anni ’90 era davvero fertile: magari uno si ricorda bene solamente Oasis, Blur, Verve e compagnia, ma poi peschi dei Reef a caso e ti viene in mente – cioè: lo leggi su Wikipedia – che nel 1997 il loro secondo album, Glow, debuttò direttamente al primo posto della classifica d’Oltremanica. Il che, se non altro, voleva dire vendere un numero di copie considerevole.

La band di Glastonbury fu fondamentalmente una meteora, ad alti livelli di popolarità; tuttavia, vanta venticinque anni di carriera sempre dignitosa (compreso un temporaneo scioglimento fra il 2003 e il 2010). L’ultimo lavoro risale al 2000, ma a maggio arriverà il nuovo Revelation: un disco già anticipato da un paio di brani, fra cui questa bella ballata (si dice ancora “ballata”? Uhm…).

My Sweet Love apparteneva al loro repertorio live da un po’ di tempo, ma qui la troviamo in versione singolone con Sheryl Crow in veste di ospite speciale. Riassumendo: un gruppo inglese – il cui suono “storico” era più o meno un incrocio fra i Black Crowes e la voce degli AC/DC macchiata di soul – incide un pezzo sfacciatamente alla Rod Stewart con una nota popstar/rockstar (decidete voi) americana. Confusi? Ma no: it’s only rock’n’roll, come diceva Beniamino Gigli.

Certo è che, vent’anni fa, una canzone così avrebbe proiettato i Reef prima su MTV e tutte le radio che contano, quindi in tutti i negozi di dischi del mondo occidentale e, infine, a casa di molti di noi. Nel 2018 due di queste quattro cose non esistono più, in pratica.

P.S.: sì, claro: a loro volta i Black Crowes s’ispiravano a Rolling Stones e Faces, per cui il cerchio si chiude. Forse.

Angelo Mora
Angelo Mora

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.