Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Skate or die

Jeff Ament

Safe In The Car

Cosa succede quando il bassista di una rock band strafamosa decide di pubblicare un album solista?

Spesso, i "die hard" fans lo ascoltano per completismo e il disco finisce presto a prendere polvere. Nel caso di Jeff Ament sarebbe un grosso errore di sottovalutazione, perché il prolifico bassista dei Pearl Jam – oltre ad aver dato vita nel corso degli anni a progetti paralleli di assoluto pregio come i Three Fish e i RNDM – ha già all'attivo due lavori solisti che valgono ben più di un ascolto distratto (Tone, di dieci anni fa, e il più recente While My Heart Beats). Il nuovo singolo, tratto dall’imminente Heaven/Hell, non è che l'ulteriore conferma della sua poliedricità artistica.

Scordatevi le atmosfere alla Pearl Jam, quei ritornelli che ormai conoscete a memoria e vi emozionano ancora; dimenticatevi la forza evocativa della voce di Vedder, sorretta dall’intreccio delle chitarre di Gossard e McCready e dalla potenza della sezione ritmica. Con Safe In The Car, Ament cambia totalmente registro e sorprende con uno sporco rock blues dalle tinte dark che ricorda certe sonorità alla Dead Weather o il Mark Lanegan di Blues Funeral e del più recente Gargoyle. Lo fa con l’aiuto dei compagni di una vita, lo stesso Mike McCready e Matt Cameron alla batteria, e avvalendosi anche del prezioso contributo di una delle migliori indie folk singer dell’ultima generazione, Angel Olsen.

Un Ament per niente rilassato, in ansia per il mondo che lo circonda e che ha più di un punto in comune con il protagonista di La Strada di Cormac McCarthy, quel padre costretto a vagare senza meta insieme al figlio in uno scenario post-apocalittico e devastato dai disastri naturali.

Da sempre grande appassionato di arti visive, Ament ha anche diretto un video sulle stesse coordinate e ispirato alle atmosfere vintage e sporche di Death Proof, il segmento di Quentin Tarantino del film Grindhouse (girato in tandem con Robert Rodriguez).

Se è vero che spesso i dischi solisti dei bassisti finiscono sepolti nella sterminata collezione di CD e vinili che solo i fanatici posseggono, sulla base di questo primo estratto possiamo augurarci che Heaven/Hellin uscita per Monkeywrench Records il 10 maggio – non sia destinato a fare la stessa fine.

HVSR per posta: