New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Graveyard: Please Don't
Non è una nuova campagna pubblicitaria di H&M

Hard rock da manuale (ma non è necessariamente una cosa buona).

«Come sapete, abbiamo viaggiato parecchio ultimamente. In molti modi e a molti livelli. La cosa positiva è che ci siamo portati dietro molte cose per tutti voi. Questo è il primo souvenir dal viaggio per Peace», affermano i Graveyard a proposito del nuovo album – Peace, appunto – che la Nuclear Blast pubblicherà maggio e anticipato la settimana scorsa da questo singolo.

A che cosa alludono, parlando di “viaggi multipli”? Alle droghe psicotrope? Al tappeto volante? Oppure il disco sarà un concept incentrato sulle differenze di prestazioni e servizi fra Frecciarossa e Italo? Perdonate l’ironia da quattro soldi, ma d’altra parte abbiamo a che fare con un gruppo che, nel settembre del 2016, comunicò il proprio scioglimento. Per poi annunciare la, ehm, reunion a gennaio 2017.

Per il resto, i Graveyard sono fra i migliori esponenti del retro-hard rock degli ultimi dieci anni. Fanno sempre la stessa canzone (copiata), ma sostanzialmente la fanno bene e con le facce giuste. Questo, ai giorni nostri, gli è più che sufficiente per vantare discrete vendite e una cosiddetta fanbase più o meno consistente. Sono credibili, insomma.

A meno che abbiano intenzione di sciogliersi e riformarsi ancora nel giro di cinque mesi.

Graveyard 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!