Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Dylan Jakobsen: Lovers Ledge
Viva Seattle!
↤ Tracce

Nato a Seattle nell’anno in cui i Nirvana pubblicavano ‘In Utero’ e i Pearl Jam ‘Vs.’…

Dylan Jakobsen
Lovers Ledge

Dylan è un giovanissimo cantautore, nato a Seattle nell’anno in cui i Nirvana pubblicavano In Utero e i Pearl Jam Vs..

Leggi “Seattle”, leggi “cantautore” e, immancabilmente, il pensiero va a uno degli ultimi movimenti rock davvero importanti degli ultimi decenni. Normale, forse, immaginare che questo ragazzo possa suonare come il Cobain dell’MTV Unplugged o come il miglior Chris Cornell solista. Invece no: il pane con cui è cresciuto Jakobsen è ed è sempre stato il country, un genere che difficilmente viene associato alla storica scena del nord ovest del Pacifico (per quanto variegato, se preso nella sua connotazione più ampia e non scevro da contaminazioni di generi e stili).

La proposta di Jakobsen – di cui vi consiglio di reperire il debutto From Where I Begansegue piuttosto le coordinate tracciate anni fa dai Wilco insieme a Billy Bragg, e coniuga sonorità alla Tom Petty ad un certo country rock molto radiofonico che negli ultimi anni tira sempre di più nelle classifiche americane. Non fa eccezione la nuova Lovers Ledge, pubblicata in esclusiva su Spotify e disponibile su YouTube in una bella versione acustica registrata per Today In Nashville.

Se l’ascolterete in auto, sfrecciando su strade deserte con il vento tra i capelli, capirete meglio cosa intendo. Dylan va dritto al sodo, racconta storie di vita vissuta con un tocco molto personale, al punto da suscitare sospetti sulla sua reale età anagrafica. E tornando a Seattle, chissà che in futuro non venga in mente anche il nome del bravo Jakobsen, oltre a quelli dei soliti noti.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Editor's pick  Rock  Pop  April 2018  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.