Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Shame: Lampoon
San Siro, 31 Agosto 1997, Inter-Brescia 2-1: Francesco Moriero bacia lo scarpino del "Chino" Recoba
↤ Tracce

Vent’anni e non sentirli.

Shame
Lampoon

Questi son ragazzini di vent’anni che ancora non erano entrati in sala di registrazione e già avevano addosso una confezione intera di etichette che andava da “the UK’s most exhilarating/exciting new band” a “a gang of beautiful young British misanthropes”, passando per “the shouty south Londoners that go crazy on stage”.

Riassumendo: qualche fortunato aveva sentito il demo e c’era rimasto sotto, qualcun altro aveva avuto modo di intervistarli e c’era rimasto sotto e un branco di più coraggiosi li aveva visti dal vivo e… c’era rimasta sotto.

↦ Leggi anche:
Shame: Alphabet
TV Priest: Press Gang
Scowl: Lord Porno

Gli Shame non si sono scomposti e dallo studio di registrazione ci sono usciti con Songs Of Praise, una piccola bomba di post-punk raffinatissimo – ovvero grezzo con gusto – che non fa che peggiorare le cose. In termini di gente che rischia di rimanerci sotto, intendo.

Una manciata di pezzi stretti contro natura gli uni accanto agli altri, pronti a esplodere senza avvertirti prima e impacchettati bene attorno a testi inzuppati in un cocktail da hangover duro (¼ vodka, ¼ disagio adolescenziale, ¼ veleno e ¼ sarcasmo), un cantante che mischia la vena socio-politica di un Jarvis Cocker di periferia annoiato e disilluso con il predicare arido, squallido e desolato del primo Nick Cave e una band che fa del rifiutare qualsiasi posa la propria posa, ma poi suona come come i Fall e i Gang Of Four più incazzati. Insomma gli ingredienti per gridare alla “next big thing” ci sono tutti e probabilmente a ragione.

Come sempre, il tempo calerà la sua sentenza e ci dirà se e quanto “next” e “big” sarà la faccenda in questione; intanto questi piccoli bulli, cresciuti sui soppalchi del Queen’s Head Pub con i Fat White Family a recitare la parte della balia, hanno fatto irruzione nella stanza del “rock con le chitarre” inglese, buttando giù il muro con un manifesto audace, risoluto e che alza di un bel po’ l’asticella per tutti i prossimi gruppetti che vorranno sul serio fare il botto con il loro primo disco.

Lampoon è il terzo singolo estratto dall’album e il suo video fatto in casa a costo zero vorrebbe catturare un’istantanea della follia, on stage e backstage, loro ultimo tour nordamericano.

Non ci riesce minimamente, sostiene chi è stato presente.

E c’è rimasto sotto.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.