Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Oceans Of Slumber: No Color, No Light
Not your average female metal singer
↤ Tracce

Abbiamo visto il futuro del prog-metal: viene dal Texas, è una donna ed è nera.

Oceans Of Slumber
No Color, No Light

Pare che per il concerto di quella sera, in un sobborgo di Houston, Texas, le band in cartellone fossero due. Il gruppo principale erano gli Oceans Of Slumber, già discretamente noti in zona. E ad aprire per loro una sconosciuta formazione post-rock: musica così così, ma una cantante afroamericana, tale Cammie Gilbert, con una voce davvero notevole.

«Già, ma noi facciamo metal», pensava Dobber Beverly, batterista e principale autore degli OOS, guardando la performance di Cammie mentre il resto della sua band si preparava. «E quindi ci vuole una voce maschile, aggressiva, profonda», si ripeteva il buon Dobber, scaldando nel palmo della mano il fondo di un cattivo whisky che gli avevano messo in mano nel retro del locale. «Come quella del nostro Ronnie», concludeva con un sospiro di rassegnazione.

Un paio di mesi dopo Ronnie Allen, il cantante, era fuori dal gruppo, Cammie Gilbert aveva lasciato la sua band post-rock e gli OOS avevano trovato una nuova voce.

La Gilbert non ha snaturato il suono del gruppo, che rimane sostanzialmente un metal atmosferico con impennate progressive e rallentamenti candlemassiani (o candlemessiah-ni?). Però gli ha conferito drammaticità e calore, spezzando la noia mortale data dalle voci miagolanti o liricheggianti dell’80% delle cantanti della scena (il restante 20% fa concorrenza ai colleghi maschi, ruttando nel microfono ferali growl vocals).

Quella della Gilbert è una vocalità nera applicata in un contesto metal: connubio certamente poco frequente, ma altrettanto certamente indovinato. Che poi, se aguzzate le orecchie, in No Color, No Light trovate anche qualcosa d’altro: questa volte una vecchia conoscenza. Tipo Tom Englund degli Evergrey. E Tom Englund degli Evergrey non collabora mica con chiunque.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.