Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Courtney Barnett: Nameless, Faceless
Uomini vs. Donne? Nell’incertezza, gattini
↤ Tracce

Tre minuti di buoni motivi per cui è meglio avere un gatto che un fidanzato.

Courtney Barnett
Nameless, Faceless

Courtney Barnett è la Courtney che tutti avremmo voluto, tempo fa a Seattle, al posto di quell’altra zoccola.

Non che ci avrebbe salvato, ma quantomeno saremmo andati a fondo beati delle nostre insicurezze con più cognizione di causa. Insicurezze che poi erano le sue: più scazzata che sexy (il termine fico per dirlo credo sia slacker), in un continuo oscillare tra l’ironia degli inevitabili pericoli di un ipotetico 21st-century living e il rassicurante terrore di qualunque interazione sociale.

↦ Leggi anche:
Courtney Barnett: Elevator Operator
Courtney Barnett (feat. Vagabon): Don't Do It
The Goon Sax: In the Stone

Insomma, Barnett era l’amica un po’ depressa, che però ti faceva morire dal ridere per come ti raccontava le cose, quella con saresti voluto andare a bere una birra tutte le sere per sentirti dire che il mondo fa schifo ma quelli che dicono che il mondo fa schifo fan schifo di più.

O almeno, io una birra con Courtney – all’epoca del suo debutto – ce la sarei andata a bere volentieri, lo confesso. Sarà che ormai le avevo provate tutte senza particolare successo, ma ero disposto senza nessun imbarazzo di sorta anche a questo tentativo da ultima spiaggia: farmi spiegare da una nata nell’87 come uscire vivi dagli anni ’90, passando senza troppi traumi dal buon vecchio «I hate myself and I want to die» al suo disarmante «I used to hate myself but now I think I’m all right».

Ora la ragazzina è cresciuta, ha letto (forse un po’ troppo) Margaret Atwood, cita nei video i pop-art collage di Richard Hamilton e si fa fare i cori dall’ex Pixies Kim Deal. Così, ci fossimo oggi, seduti al bancone di quell’ipotetico pub, immagino dovrei sorbirmi un sarcastico – ma pur sempre delizioso – pippone sugli sbilanciamenti del rapporto uomo/donna a base di “ma chi vi credete di essere? pensate che il mondo giri solo attorno a voi?” e un sacco di altre frecciatine brillanti quanto dolorosamente attuali.

Poco male. Sarà che ho un debole per Courtney Barnett, ma io sono disposto ancora a correre il rischio.

Sai mai che imparo comunque qualcosa.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.