Baustelle: Veronica n.2
"E ora, una canzone che contiene i termini: 1) cazzo 2) culo 3) merda 4) Berlino"
 
← Music discovery

Abbassando l'asticella.

Baustelle
Veronica n.2

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Forse non sono i Baustelle, che sono diventati una parodia dei Baustelle. Può darsi che sia la musica – come si suol dire – “indie” d’Italia, o la maggior parte di essa, a esser diventata una parodia dei Baustelle. Del distacco sfiorito, del citazionismo struggente, del romanticismo amaro ma, per carità, ironico.

Dev’essere questo a rafforzare quella sensazione di già sentito, prevedibile, imbarazzante che prendeva già ascoltando l’album uscito un anno fa. E la scelta di intitolare quello in uscita L’Amore E La Violenza Vol. 2 sollecita invariabilmente l’impressione di labirinto, di strada già percorsa, di svolte che non portano più da nessuna parte e non suscitano emozioni nuove. Aggiungiamo pure che la canzone Veronica n.2 (un’ode alla reiterazione già nel titolo) è stata già sentita e approvata dai fan, che la ascoltano da un anno nei concerti.

Come Nosferatu, dunque, Bianconi, Bastreghi e Brasini sembrano condannati a “sperimentare ogni giorno le stesse futili cose” – ma con ostinato languore, con sfrontato orgoglio, e quell’immancabile compiacimento nelle piccole provocazioni – tipo la somiglianza carta carbone con Babies dei Pulp, o il vezzo di infilare nel testo, senza un perché, una «Berlino distrutta da una svastica» quasi fosse una spezia per rendere tutto più piccante.

Oppure, il mettere le mani avanti: «É proprio una semplice canzone d’amore». Annunciando che l’album consisterà in “dodici pezzi facili”.

Sicché, nessuno pretenda di più dai Baustelle.

Essendo i Baustelle medesimi i primi a non pretendere di più.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy