New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Baustelle: Veronica n.2
"E ora, una canzone che contiene i termini: 1) cazzo 2) culo 3) merda 4) Berlino"

Abbassando l’asticella.

Forse non sono i Baustelle, che sono diventati una parodia dei Baustelle. Può darsi che sia la musica – come si suol dire – “indie” d’Italia, o la maggior parte di essa, a esser diventata una parodia dei Baustelle. Del distacco sfiorito, del citazionismo struggente, del romanticismo amaro ma, per carità, ironico.

Dev’essere questo a rafforzare quella sensazione di già sentito, prevedibile, imbarazzante che prendeva già ascoltando l’album uscito un anno fa. E la scelta di intitolare quello in uscita L’Amore E La Violenza Vol. 2 sollecita invariabilmente l’impressione di labirinto, di strada già percorsa, di svolte che non portano più da nessuna parte e non suscitano emozioni nuove. Aggiungiamo pure che la canzone Veronica n.2 (un’ode alla reiterazione già nel titolo) è stata già sentita e approvata dai fan, che la ascoltano da un anno nei concerti.

↦ Leggi anche:
Traccia: Baustelle: Lili Marleen

Come Nosferatu, dunque, Bianconi, Bastreghi e Brasini sembrano condannati a “sperimentare ogni giorno le stesse futili cose” – ma con ostinato languore, con sfrontato orgoglio, e quell’immancabile compiacimento nelle piccole provocazioni – tipo la somiglianza carta carbone con Babies dei Pulp, o il vezzo di infilare nel testo, senza un perché, una «Berlino distrutta da una svastica» quasi fosse una spezia per rendere tutto più piccante.

Oppure, il mettere le mani avanti: «É proprio una semplice canzone d’amore». Annunciando che l’album consisterà in “dodici pezzi facili”.

Sicché, nessuno pretenda di più dai Baustelle.

Essendo i Baustelle medesimi i primi a non pretendere di più.

Baustelle 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!