New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Troye Sivan: My My My
Potevo essere uno dei Five

La popstar che ti insegna a fare coming out. Se vuoi.

Sentiremo parlare molto di Troye Sivan. La sua storia non somiglia a quella di tante altre popstar; ora che potremmo cominciare a conoscerlo, lui ha già fatto tutto.

Nato in Sudafrica, naturalizzato australiano, Troye ha ventidue anni; è attore, cantautore, ma soprattutto “Youtube personality”. Sì, quel termine che a molti di voi fa venire il reflusso gastroesofageo. Nel 2014, il Time lo ha decretato uno dei “25 Most Influential Teens” al mondo. Mi sono chiesta perché; sono andata a vedere.

Da quasi dieci anni, pubblica regolarmente un videoblog in cui risponde alle domande dei suoi fan. Domande come: «Troye, è più facile contrarre l’AIDS se sei gay?». Oppure: «Troye, qual è il modo più facile per fare coming out?». Oppure ancora: «Troye, ma hai una cotta per qualcuno, ora?». E lui risponde, spigliato e disinvolto, con ritmo incalzantissimo. Solo ventidue anni e già tocca rispondere a ‘ste domandone. Lui, d’altra parte, ha fatto coming out CINQUE anni fa, e l’ha fatto con questo video.

Niente di tutto quel che vedo mi sembra forzato, affettato, fuori luogo; anzi, è tutto perfettamente a posto. Lui è un giovanissimo, credibilissimo e amatissimo portavoce del mondo “teen-queer/LGBT” in Australia.

Per inciso, alla domanda «Hai una cotta per qualcuno?», lui ha risposto: «Harry Styles».

Bene, ma la musica, direte voi? Parrebbe un’attività collaterale; invece i suoi esordi da cantautore risalgono a più di dieci anni fa. Un bambino prodigio prima, una grande star nazionale poi. Ha all’attivo un EP e un album, e ora arriva il secondo, trainato da un singolo, My My My, che ha recentemente presentato al Saturday Night Live. A tutti gli effetti, il suo debutto americano. Chissà quale accoglienza gli riserveranno, in quel simpatico paese di zuzzurelloni.

My My My è un pezzo dalla produzione ineccepibile e che richiama, specialmente nel ritornello, alcune teen band di metà anni ‘90 con l’apostrofo tra la “N” e un’altra parola. Ma la scrittura del testo è attuale e si ispira, per stessa ammissione di Troye, a teste di serie come Taylor Swift (certo, Mrs. “tumiturbi” Swift non direbbe mai «Ho la tua lingua tra i miei denti». Così volgare).

In definitiva, il singolo, di per sé, non è nulla di nuovo. Il personaggio, invece, sì. E parecchio.

Troye Sivan 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!