New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Negrita: Siamo ancora qua
Pautomatic for the people

Crew antiplastiche vs. California dreaming.

Quella di esibire un’autocertificazione cantata di militanza musicale e spirituale – «Prendendo a schiaffi ogni limite, c’è la Negrita sulla scena del crimine» – è una prassi irrinunciabile tra i rapper e adottata con entusiasmo dal pop specie in questo secolo («It’s Britney bitch!», «Nicky Minaj hoodies, I’m a brand!», «L! U! V! Madonna!»), però non è del tutto estranea al rock («This. Is. RadioClash», «Wilco, Wilco… Wilco will love you, baby», «My name is Prince! The one and only!», «Blues Explosion, under attack» ecc.). Quanto a ribadire la propria appartenenza ai viventi, già Vasco Rossi aveva sentito il dovere di precisare di essere «Ancora qua – eh già», un po’ come Ligabue ci teneva a puntualizzare che «Siamo ancora in piedi».

L’intenzione è insomma di mandare all’elettorato un messaggio di solidità forte e chiaro, e la motivazione è candidamente enunciata nel testo: «La musica è cambiata e rispondiamo all’assalto», «Siamo la crew antiplastica ritmo per gente che ne mastica», «Al BBQ dei tuoi neuroni rispondiamo col fuoco di chitarre e di droni».

La storica rock band nata con un nome già vintage – un brano dei Rolling Stones del 1976prende quindi atto dell’irreversibilità delle mutazioni sonore in corso (ed è quanto meno lodevole) e ventila velatamente un parziale riposizionamento: «La musica è cambiata siamo ancora qua, trattasi di abilità, tra applausi e tra i fischi, campioni di rischi” e poi, bang: «On the dancefloor!».

Qualche incursione elettronica futurista si intreccia nell’infrastruttura rock ortodossa del brano, e i Negrita medesimi fanno sapere che, se non proprio una svolta, un adeguamento alla modernità potrebbe essere in arrivo: «Un nuovo Manifesto? Una dichiarazione di intenti? Una minaccia? Lo scoprirete solo ascoltandolo… magari ad alto volume. SIAMO ANCORA QUA sarà la prima traccia dell’album che verrà pubblicato a Marzo 2018».

Per contro, altre dichiarazioni fanno sottintendere che sullo sfondo dell’imminente Desert Yacht Club ci sarà «ancora una volta, la California e il suo immaginario», cosa che è difficile declinare in senso musicale, visto che in quest’epoca una “crew antiplastica” faticherebbe parecchio a confrontarsi con quanto proviene da quell’area.

Qualunque cosa succeda sarà interessante vedere se a rispondere meglio saranno i seguaci di antica militanza (che sono più di quanti si pensi) o i giovani estimatori (che sono più di quanti si pensi).

Negrita 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!