Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Myles Kennedy: Year Of The Tiger
Sono come una tigre: graffio e accarezzo
↤ Tracce

Tigri e fenici.

Myles Kennedy
Year Of The Tiger

Lo Year Of The Tiger è il 1974: anno che secondo l’oroscopo cinese cadeva sotto il segno della tigre, appunto, e che vide la morte del padre di Myles Kennedy.

Fu un evento traumatico per un bambino di soli quattro anni: avrebbe segnato per sempre la sua esistenza, lasciandogli in fondo all’anima un profondo senso di vuoto, malgrado il dono di una voce meravigliosa e, più tardi, il successo mondiale riscosso con Slash e gli Alter Bridge.

Tratto dall’album omonimo, cioè il debutto solista in uscita a marzo, il brano decreta il passaggio di Myles dalle vesti di muscolare frontman hard rock a quelle di cantautore intimo e confessionale, anche se mai stucchevole. La canzone è un’ode positiva dedicata alla forza di trasmutazione, un inno alla capacità di trasformare l’anfratto interiore più buio in catarsi sonora.

Lo splendido timbro vocale di Kennedy e la sua dolente intensità fanno pensare ai compianti Chris Cornell e Jeff Buckley, anche se in lui l’esplorazione del baratro non è mai autoindulgente. Ed è questa la sua salvezza.

La tigre graffia e converte in atletico balzo in avanti anche la notte più oscura, come la fenice che sa rinascere dalle ceneri attraverso la passione mai sopita per la musica.

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.