Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Monster Magnet: Mindfucker
Nevermind the mindfucker!
↤ Tracce

Chitarre, chitarre, chitarre!

Com’è bello tornare, qualche volta. Tornare indietro, lasciarsi andare al solito suono stra-sentito, nella rassicurazione che priva dell’ansia da ricerca di novità. Solo roba conosciuta, che sai dove andrà a parare ma che ti spinge a muovere il culo, ad abbassare il finestrino, a far su e giù con la testa. Roba da Monster Magnet, gente lercia e cazzuta, fuori da tutte le mode.

Gente appesa all’hard rock/stoner che riempiva i magazine musicali negli anni ‘90. Che infila parolacce nei brani, ripropone lo stesso riff di Toni Iommi fino allo sfinimento e poi si lancia in assoli incendiari. Roba per vecchi, forse. Non potete immaginare quanto sia divertente.

↦ Leggi anche:
Monster Magnet: When the Wolf Sits

Il ritorno di Dave Wyndorf e soci – qui nella loro versione più semplice e immediata e meno psichedelica e spaziale – è un pezzo favoloso: il ritmo è quello di un animale pesante e morente, la componente maligna sempre ben inserita. Uno spasso, in cinque minuti e rotti che infilano ritornelli efficaci e cambi di tempo fracassoni. Certo: non parliamo di uno stato di grazia come ai tempi di Powertrip, ma di un’ottima forma, quella sì.

Se vi piacciono il baccano chitarristico e le voci potenti, i Monster Magnet – questi Monster Magnet, ma anche e soprattutto quelli prima – sono ciò che fa per voi. Sempre siano lodati.

Monster Magnet