New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

King Tuff: Psycho Star
Moustache is the new LSD

Una risata ci seppellirà.

I King Tuff, guardandoli così, a freddo, fanno immediatamente house-party; uno di quelli in cui girano così tanti ettolitri di birra che la band manco va a tempo. Un gruppo di canaglie con varie dipendenze, tra cui una, evidente fin da subito: quella dai baffi. Poi scopri che “King Tuff” è lo pseudonimo di Kyle Thomas, ex turnista dei Muggers, la band di Ty Segall; insomma, uno che l’artigianato della chitarra distorta l’ha imparato da piccolo. E non è tutto: ha suonato pure con i Witch di J Mascis.

Thomas è californiano di Los Angeles, incide per Sub Pop dal 2012 e segue il filone garage-rock demenziale, ma con varie deviazioni; basti pensare che il suo pezzo più conosciuto, The Other, è una ballatona sulla depressione fatta solo di tastiere.

↦ Leggi anche:
Traccia: King Tuff: Portrait of God

Ecco, lui ha questa caratteristica: scrive testi abbacchiatissimi e supercinici su pezzi scoppiettanti. Esattamente come nel nuovo singolo, Psycho Star, che anticipa il quarto album, il successore di Black Moon Spell del 2014. Un brano un po’ meno garage e un po’ più Franz Ferdinand; troppo amico-della-radio per lo zoccolo duro dei fan.

Ma è anche una canzone per cui la definizione “azzeccata” è ridondante e riduttiva, specie in abbinamento al video, di chiara ispirazione Hitchockiana, come dichiara il regista in apertura (a proposito: ve ne siete accorti? Son tornati i videoclip!).

Il messaggio è chiaro: «Guardo fuori dalla mia finestra/ è chiaro: non apparteniamo a questo mondo. Follia e distruzione / Forse è questo, tutto ciò che siamo».

Ma nel frattempo, quanto ridere.

King Tuff 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!