Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Fontaines D.C.: Chequeless Reckless
Ti facciam girar come fossi una bambola
↤ Tracce

Una balera per gambe buone, nel cuore di Dublino.

Fontaines D.C.
Chequeless Reckless

Mi sono sempre chiesta cosa porti una band appena nata a scomodare entità intoccabili, tipo il rock’n’roll.

Se sei nato ieri, per giunta in un’epoca in cui i tuoi genitori erano fin troppo giovani per poter dire: «Sai, andavo a ballare il rock», e hai l’ambizione di suonare proprio quella roba lì, due sono i casi: o fai cover, oppure rivisiti il genere con un tocco di novità, a tuo rischio e pericolo.

↦ Leggi anche:
Fontaines D.C.: Too Real
Fontaines D.C.: I Don't Belong
Fontaines D.C.: Oh Such a Spring

I Fontaines D.C. hanno scelto la seconda opzione.

Irlandesi di Dublino, devono la loro rapida ascesa a Steve Lamacq di Radio BBC 6 Music che, con un solo passaggio del nuovo singolo, Chequeless Reckless, ha acceso molti radar su di loro.

Due anni di vita, un cambio di nome (prima si chiamavano The Fontaines), un album all’attivo e i tour in apertura di The Lemon Twigs, The Horrors e Girl Band. Questo, a oggi, il loro curriculum.

Chequeless Reckless è due minuti e quindici di sintesi perfetta: tre accordi in croce, riff di chitarre immortali, il cantato/parlato di scuola punk del loro cantante Grian Chatten, giovane e involontario emulo di Mark E.Smith, un refrain geometrico, «What’s really going on», che chiude perfettamente il giro.

Il pezzo – praticamente privo di punti deboli – è da gustare appaiato alla sua b-side, l’altrettanto valida Boys in the Better Land. Da ascoltare, eventualmente, anche il precedente singolo Liberty Belle.

E poi basta, non c’è altro da dire.

Il presente, per questi fenomeni, è appena cominciato.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.