Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Orbital:Copenaghen
Sparami in Orbital!
↤ Tracce

Dancing with tears in my eyes.

Orbital
Copenaghen

Qualche mese fa Phil e Paul Hartnoll sono tornati con l’adrenalina dentro l’anima: il loro classico testosterone ritmico che si mischia alle lacrime. Si dice che, per la pubblicazione, i due selezionino solamente pezzi “commoventi”, infatti.

Dopo scioglimenti e ritorni, dopo il bellissimo Wonky del 2012 che ne aveva aggiornato la lezione, eccoli di nuovo in pista con cinque minuti e venticinque secondi di una dance in bilico tra tamarro e visionario, moderno e nostalgico.

↦ Leggi anche:
Orbital: elettronica per organi caldi

Questo è il singolo che anticipa un nuovo album (di cui ancora non si conosce né titolo, né data di uscita). Tastieroni, cingolati ma danzanti beat a sfondare il ritmo, inserti acidi gentili (contraddizione in termini?): ne viene fuori un numero che non anticipa il futuro, ma – per citare Nino Frassica – che bello che bello!

Sexy dove ti aspetteresti un cazzotto, languido dove dovrebbe esserci una fredda macchina, Copenaghen segue la scia tracciata dai fratelli alcuni anni fa. E vale la pena seguirli, sempre.

Andrea Macrì
Andrea Macrì

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.