Judas Priest: Lightning Strike - Recensione e video su HVSR.net
Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Sanremo Giovani 2018

Judas Priest

Lightning Strike

Se ti piace l’heavy metal, non c’è niente di meglio dei Judas Priest che fanno (bene) i Judas Priest. Tre minuti e mezzo di pura ed estatica gloria elettrica che anticipano il nuovo album Firepower, atteso a marzo.

Per una volta, chiudiamo gli occhi di fronte al fatto – evidente – che questa canzone sia una cover di se stessi, quasi un ipotetico “outtake” del classico Painkiller (1990). E facciamo anche finta di non sapere che la band abbia un grande futuro alle spalle, se non altro per motivi anagrafici. E dimentichiamoci persino dei passi falsi compiuti in un passato nemmeno troppo lontano: dallo spento Demolition del 2001 al pretenzioso Nostradamus del 2008. E ringraziamo la tecnologia moderna per la versione “restaurata” della voce di Rob Halford (dal vivo il discorso cambia, chiaramente).

E… Ok, ci siamo capiti. Questa non è né la rinascita dei Judas Priest, né quella del metal. È semplicemente un godibilissimo esercizio di stile da parte di un gruppo che ha avuto sì grande fortuna commerciale, ma la cui grandezza artistica – ironia e autoironia incluse – non è stata ancora compresa in pieno.

Forse.

Nel dubbio, la storia continua.

HVSR per posta: