Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Gaz Coombes: Deep Pockets
Love me
↤ Tracce

Pronto a conficcare una bandierina sul nostro cuore. Di nuovo.

Gaz Coombes
Deep Pockets

Tre anni fa, Gareth Michael “Gaz” Coombes e gli ex compagni dei Supergrass hanno riesumato e tirato a lucido i master di I Should Coco, l’album-simbolo della loro carriera uscito ventidue anni fa, e ne han fatto una bella ristampa deluxe con rarità e perle varie, come si conviene in questi casi. Coombes, in quell’occasione, ha dichiarato: «Bello ritrovarsi per quest’operazione; bello anche NON fare una reunion».

Questo, tanto per cominciare, l’approccio del nostro eroe a un eventuale ricompattamento dei Supergrass, già ampiamente reclamato dai fan.

↦ Leggi anche:
Supergrass: Bury My Heart

Forse non è ancora chiaro, ma Gaz – fin dal suo esordio solista con Here Comes The Bomb del 2012 – ha dimostrato di essersi smarcato dal proprio passato. Sempre abilissimo nell’elaborare pezzi con “hook” così forti da trainare un carroarmato, ma sperimentando e suonando tutto da sé con la sfrontatezza di chi fa ciò che gli pare, sbatacchiato qua e là dai suoi tanti punti di riferimento.

E se gli esordi da solista non sono stati eclatanti dal punto di vista dell’accoglienza, lo stesso non si può dire per il secondo album, Matador, un disco di una bellezza squarcia-cuore.

A tre anni di distanza, ecco Deep Pockets, il singolo che anticipa il nuovo lavoro, World’s Strongest Man, registrato a Oxford nei Courtyard Studios del fido produttore Ian Davenport. Le nuove sfumature di ispirazione, a sua stessa detta, vanno da The Descent Of Man di Grayson Perry a Blonde di Frank Ocean.

Ma, diamine, qui sembra di sentire i Gay Dad con Dimstar (senza “bassone”, però).

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Editor's pick  Pop  January 2018  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.