New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Anarchistwood: Bomb In A Luggage Ruck
Tanti fiori e nessuna opera di bene

Anarchistwood
Bomb In A Luggage Ruck

Slogan anarchici e cattivo gusto all’inglese: uno dei nostri cocktail preferiti.

Non vogliamo spacciarvi gli Anarchistwood per quei geni che, di certo, non sono. A dirla tutta, questa canzone è quello che è (e oltretutto “gira” già da qualche anno). Piuttosto è stato il video trash, girato e pubblicato di recente, che ci ha particolarmente stuzzicato, tanto da approfondire la loro conoscenza.

Senza tirare in ballo precedenti illustri – in un senso o nell’altro – come Crass e Chumbawamba, il gruppo di Londra viene associato all’attuale scena anarcho-punk britannica (ammesso che ne esista ancora una, in effetti).

Loro stessi, a dire il vero, si definiscono semplici “performers”, mentre fan e ascoltatori più o meno casuali si sono impegnati nel descriverli pittorescamente: “psycho-delic-anarchist-techno-velvet-stomp”, “New York Dolls vs. GG Allin (sans faecal projectiles)”, “Like a tongue scraper for the ears. Awesome”. Ancora meglio la testimonianza di chi li ha visti dal vivo, forse: “Brilliant gig – if there’s isn’t blood on the floor at the end of the night, it isn’t a proper gig“.

Non conta tanto che cosa suonino gli Anarchistwood, ma come. E cioè nel modo più oltraggioso possibile, con quel sublime e grottesco tocco di cattivo gusto che solo oltremanica possiedono (e in questo ci ricordano vagamente i dimenticatissimi Anti-Product, in barba alle loro radici americane).

L’importante è esserci e dare fastidio: uno stile di vita.

Anarchistwood 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!