Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Sunflower Bean: I Was A Fool
↤ Tracce

Vent’anni e sul passaporto e venticinque sulle spalle.

Sunflower Bean
I Was A Fool

È tutto perfetto.

Potrei fermarmi qui, ma mi rendo conto che non è abbastanza.

Questa è una canzone che le ha centrate tutte. Nella melodia, nell’immaginario che evoca, nell’appeal radiofonico e, non ultimo, nel video. È un vero peccato che nessuna radio italiana la passerà mai, ma questo è un ginepraio che qui non interessa.

È curioso, innanzitutto, sapere che questo pezzo ha avuto una genesi non studiata; questi tre ragazzi di New York, poco più che ventenni, l’hanno strimpellata un paio di volte in sala prove, ed era fatta. Non c’erano mail dall’ufficio tecnico di Spotify, a dettare le leggi di un perfetto ritornello, perché il ritornello non c’è. Anzi: a dirla tutta, pensandoci bene, c’è solo il ritornello.

La rullatina iniziale di batteria accende la spia “Dreams dei Fleetwood Mac”, e già si comincia bene. Ma è un istante brevissimo, perché poi è subito 1992; il pezzo sguazza beato in quel dream-psych-pop con le chitarrine languide e le voci flebili, quello dei Sundays o dei Lush, per intenderci. Ma anche in quel cantautorato acustico che quest’anno ha trovato nella coppia Kurt Weil/Courtney Barnett una rinascita.

La vocina – che dal vivo stenta un poco, c’è da dire – ha un nome e un cognome: Julia Cumming. Con lei , che suona anche il basso, ci sono il chitarrista Nick Kivlen, che ricorda in modo sconcertante un giovanissimo Bob Dylan, e il batterista Jacob (!) Faber.

Una somiglianza che calza a pennello con il video che ci racconta di un party degli anni ‘70, in un locale brutto, con la band sul palco, la gente che flirta e la riscossa finale della ragazza con cui non vuole ballare nessuno.

È tutto perfetto.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.