New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Sleigh Bells: And Saints
Ne ha parlato perfino la Komsomolskaya Pravda!

Il rumore sullo sfondo.

Ricordate la Madonna che piangeva sangue a Civitavecchia? Qualche anno fa tutti i giornali ne parlavano, dando per buona la possibilità del miracolo. Ebbene: in un impeto di ribellione, in questi giorni anche la cantante degli Sleigh Bells, Alexis Krauss (“molto bellina”, dovremmo aggiungere, per continuare sulla falsariga tracciata a suo tempo dagli Offlaga Disco Pax), ha cominciato a lacrimare.

Nonostante il loro ultimo album sia uscito appena un anno fa, i due di Brooklyn sono da poco tornati con un EP di sette tracce, Kid Kruschev, e sembra abbiano tutta l’intenzione di provare a sperimentare qualcosa di diverso. O almeno questo è quello che si intuisce ascoltando And Saints, pezzo molto più tranquillo del solito, che si snoda sinuoso lungo un’unica linea di synth declinata in chiave minore e ricorda un po’ Robyn quando evita di buttarla in caciara sul dancefloor.

In altri termini, quelle chitarre gracchianti che ti violentavano le orecchie, e che ormai erano diventate il loro trademark™, sono per una volta lasciate all’immaginazione.

Immaginazione che, nel video diretto da Mimi Cave e Derek Miller, prende la forma del baccano ovattato e privo di audio scelto per accompagnare una Krauss truccata come la mamma de ‘Il Carissimo Billy’: una band black metal che suona in una palestra, colonna sonora perfetta per la coreografia di un gruppo di cheerleader possedute dal demonio, già pronte per un festino a metà tra Halloween e Eyes Wide Shut.

Il contrasto tra la dolcezza pop della voce di Alexis, il suo make-up anni ‘50 e la musica infernale che dovrebbe invece essere il sottofondo di quello che le succede intorno è, allo stesso tempo, surreale e affascinante. Al punto da lasciare viva la speranza che, mandando il nastro al contrario, potremmo davvero, non dico ritrovare i vecchi Sleigh Bells, ma almeno una loro cover degli Impaled Nazarene.

Sleigh Bells 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!