Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ministry: Antifa
Born in the U.S.A. (anzi, no: a Cuba)
↤ Tracce

Al Jourgensen vs. Casa Pound?

Ministry
Antifa

Al Jourgensen detesta le autorità politiche più di ogni altra cosa. Quelle del suo paese, in particolare. E così, dopo che nello scorso decennio si è addirittura speso in una trilogia di dischi contro George W. Bush, oggi è il turno dell’attuale Presidente degli Stati Uniti.

Donald Trump è un bersaglio fin troppo facile per l’indignazione rock, ma il leader dei Ministry possiede uno stile personale: sparare a zero. Certo: ci si chiede se valesse la pena riesumare per l’ennesima volta la sua band più famosa, già data per morta e sepolta da lui stesso una decina d’anni fa… D’altronde, mai fidarsi di un tossico: e tossico, compiaciuto e recidivo, Jourgensen lo è da una vita, come ampiamente testimoniato anche dalla sua (a tratti) spassosa autobiografia.

↦ Leggi anche:
Ministry: Every Day Is Halloween (acoustic)
Ministry: Search and Destroy

Musicalmente parlando, questi Ministry appaiono poca cosa rispetto al passato – quasi una rimasticatura scolastica delle proprie canzoni più famose. La lettura più corretta, però, potrebbe essere un’altra: il musicista di origine cubana “utilizza” il gruppo come un assegno da incassare, per drogarsi e ripulirsi ciclicamente, riservando al solo lato lirico ed estetico la propria ispirazione.

Il gioco vale la candela? Forse no, ma è pur sempre confortante sapere che, accanto all’America ottimista raccontata da Bruce Springsteen, c’è sempre quella dannata di Al Jourgensen.

Angelo Mora
Angelo Mora

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.