Humans vs Robots
 
Starchild & The New Romantic: Hangin On
«Don't leave me hanging on the telephone...»
↞ Playlist

Il figlio (delle stelle e nero) illegittimo di Alan Sorrenti ci fa emozionare, tra poesie scritte sui rotoli di carta igienica e falsetti romantici.

Starchild & The New Romantic
Hangin On

Cos’hanno in comune Alan Sorrenti, lo scrittore americano Lloyd Pye e Bryndon Cook? Semplice: i figli delle stelle. Il primo, naturalmente, per averci regalato uno dei tormentoni più indelebili della musica italiana (e frantumato i timpani con il suo falsetto a ultrasuoni); il secondo per le sue bizzarre elucubrazioni sulla genesi umana e sulla teoria sul teschio del “bimbo delle stelle”; il terzo, proprio perché ha scelto come pseudonimo “Starchild”.

A un’occhiata veloce, crediamo che la scelta del nome non abbia niente a che vedere con quel famoso ritrovamento cranico, né con il baffetto stellare di Napoli. Sta di fatto che il nostro, qui, il pezzo l’ha azzeccato, e alla grande.

Sonorità sognanti, soul e romanticismi anni ‘80 – c’è il sax, quindi in automatico è un pezzo anni ‘80 – alla Prince, e quel vago sentore di Antonello Venditti che non riesco a togliermi dalla testa, fanno del singolo di Starchild & The New Romantic un brano contagioso.

Per contro, il video è davvero brutto e non basta che lui sappia ballare discretamente (conoscete un figlio delle stelle che non sappia danzare?); il momento in cui legge le poesie sul rotolo di carta igienica dentro quella che sembra la cella di una galera, tuttavia, è un must che risolleva le sorti del clip…

Andrea Murgia
Andrea Murgia

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Già che sei qui…

Ciao! Humans vs Robots è un progetto editoriale dedicato alle persone che amano ascoltare musica, ma anche leggerne, parlarne, scoprirne di nuova. Se anche tu ti senti di far parte della categoria, ti suggeriamo di registrarti per poter accedere a tutti i contenuti di questo sito. La registrazione è gratuita, e ti chiediamo solo un indirizzo di posta elettronica.

Vogliamo costruire una comunità attorno al progetto HVSR, e l’e-mail è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Registrati (è gratis!)

Sei già registrato? Accedi!