Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Robert Plant (feat. Chrissie Hynde): Bluebirds Over The Mountain
Cosa penso dell'innalzamento dell'età pensionabile a 67 anni? Ma a quell'età sei un ragazzino!
↤ Tracce

Voci che scalano le montagne.

Robert Plant (feat. Chrissie Hynde)
Bluebirds Over The Mountain

In quest’evo promiscuo di “joint-venture” canore strategiche, la scarsa attitudine di Robert Plant al duetto va adeguatamente rimarcata. In cinquant’anni da dio dorato, poche dee hanno ottenuto questo privilegio: Sandy Denny in The Battle Of Evermore coi Led Zeppelin, Maire Brennan dei Clannad negli anni ‘90, Alison Krauss in un album tra i più sontuosi degli ultimi vent’anni.

Sentire ora la sua voce cercare di fondersi con quella di Chrissie Hynde sembra persino troppa roba – tra l’altro è un’occasione per notare come i due spesso appoggino le note lunghe allo stesso modo (… non è da escludere che da ragazza, nel suo Pretendere di essere una frontwoman, Hynde abbia cercato di imitare quel celebre frontman dotato peraltro di un timbro più alto del suo).

C’è da dire che il luogo scelto da Plant per l’incontro non è a metà strada: un brano del 1958 di Ersel Hickey, un rockabilly romantico in stile Buddy Holly (ma lo ripresero anche Ritchie Valens e i Beach Boys), pescato nel suo infinito scantinato di Honeydripper – noto altresì per essere brevissimo (un minuto e ventiquattro secondi).

E infatti, non contento della scelta sfiziosa, lo allunga, dipana e stende come una lasagna fino a farlo durare cinque minuti, per di più proiettandolo in un ipnotico vortice di elettronica con sfumature orientali vagamente Kashmiriane.

Quante difficoltà, anche dal punto di vista della piacioneria del pezzo: tanti potenziali Grammy soffiati via con intenzione e sfida.

Ma nessuno sarà particolarmente sorpreso di apprendere che Chrissie non fa una piega.

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.