Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Giuliano non si è montato la testa, anzi si sottopone sempre di buon grado a uno Schiaffo del Soldato.

Negramaro

Fino All'Imbrunire

Il senso di spiacevole malessere complessivo che coglie alcuni di noi ascoltando i Negramaro – è forse snobismo?

Chi scrive fu irriso e accusato di tale, spregevole pregiudizio su una rivista dal piglio alternativo, da parte di un blogger che scriveva come un peraltro utile quadrupede da fattoria: correva l’anno 2005 e si era all’indomani del decollo inarrestabile di Mentre Tutto Scorre. E in verità non era ancora così diffusa l’accusa di spocchia a chi non capiva la meraviglia assoluta di quella e altre canzoni enfatiche, popolarone e piene di ONESTÀ! ONESTÀ! ONESTÀ!: in fondo non si sapeva ancora quali depravazioni del nostro pop fossero in agguato negli anni successivi.

Dodici anni dopo, è ancora snob manifestare quel malessere, quel senso di sincero dispiacere di fronte a un brano che, se da un lato continua a segnare la nuova rotta dei musicisti salentini verso un sound che sa molto meno di rock e parecchio di Keane, dall’altro vede Giuliano Sangiorgi fare sfoggio dell’abituale strazio interpretativo, la ricerca della frase da circondare di cuori e condividere sui social (o da tatuarsi)?

E naturalmente del MARE, uno dei jolly del mazzo lirico sangiorgico (... è pur vero che risultano assenti la PIOGGIA e il VENTO), così come certi poetismi sottolineati col pennarone – su tutti, l’incerta voce di bimba chiamata a rappresentare, implacabile, la dolcezza dei cuori puri («Torneranno anche gli uccelli, ti diranno come volare, per raggiungere orizzonti al di là del mare», declama M.S., nipotina del cantante) dopo “gli errori dei potenti”.

Sì, forse lo è.

In fondo, quattrocento like su YouTube per il commento del fan D.B. («❤ Tornerai tu in mezzo agli altri e sarà come impazzire tornerai e ti avrò davanti, spero solo di non svenire... ❤ Musica top... testo profondo... video stupendo!») sono a loro modo una forza storica con la quale fare i conti. E, che il resto della band abbia deciso per un recipiente sonoro più contenitivo per il pathos del suo frontman, è a suo modo encomiabile.

Nel 2017 c’è chi genera malesseri ben peggiori dei Negramaro. Anche se resta faticoso mandar giù il video con l’adolescente cui spuntano le ali d’angelo (espediente poetoso già usato anni fa da Antonacci, Mastro Peracottaro) e vola via, alfine, da questo sordido mondo.

Ma in fin dei conti, basta non guardare, volgere la testa altrove. Come fanno gli snob.

HVSR per posta: