New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

L7: Dispatch From Mar-a-Lago
Girls just want to have fun

Le “canzoni anti-Trump” stanno rimpiazzando le vecchie “canzoni anti-Reagan”?

Negli anni ’80 le canzoni anti-Reagan divennero un filone piuttosto fortunato nel panorama rock americano; quasi un genere a sé, addirittura, nell’allora giovane scena hardcore-punk.

Oggi le canzoni anti-Trump stanno spuntando come i funghi in autunno, evidente sintomo del diffuso malessere politico e sociale che attanaglia il cuore pulsante degli Stati Uniti (scusate, abbiamo appena sentito questa frase su Rai 3 e l’abbiamo trascritta pari pari).

↦ Leggi anche:
Traccia: L7: Burn Baby
Traccia: Slagheap: Caffeine

Per fortuna le L7 sono troppo intelligenti e spiritose per seguire pedissequamente le regole del gioco. Qualcuno ha già provato a definire Dispatch From Mar-A-Lagoloro primo brano inedito dal 1999! – come una “anti-Trump track”, ma la cantante e chitarrista Donita Sparks ha specificato che è più una questione di sarcasmo che di militanza («S.O.S. from the golden throne / Mogul’s in deep shit, he’s all alone / It’s not good, a riot in fact / The whole friggin’ country club is under attack»).

Così la band californiana deluderà forse i paladini dell’impegno a tutti costi, specie i “comunisti da sofà” di casa nostra, ma il senso dell’umorismo ha sempre fatto parte del bagaglio lirico delle L7 – assieme alle chitarre ruggenti, alla voce ruvida e al suono sporco, che qui ritroviamo in modo confortevole (o senza troppo sforzo, a seconda dei punti di vista).

Va segnalato che la loro nuova etichetta è la Don Giovanni Records, indie nota per lavorare con gruppi vicini alla causa femminista e al movimento LGBT (spassose e sinceramente crude le F.A.Q. del loro sito, peraltro).

A posto così, per sentirci rockettari e coscienziosi. Per alzare poi la soglia dell’attenzione nei confronti dei problemi dell’America e del mondo intero, purtroppo, ci sono sempre i Prophets Of Rage.

L7 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!