New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

King Krule: Half Man Half Shark
Sembra buono, ma dietro quella faccia si nasconde il diavolo

King Krule, lentiggini, capelli rossi e faccia da schiaffi, è il musicista più bastardo in circolazione.

Non fatevi ingannare dall’aspetto tutto lentiggini e capelli rossi. No no, siete fuoristrada: King Krule è il diavolo.

Te ne accorgi subito, quando apre bocca per cantare con quella voce da basso da far tremare i mobili belli del salone di casa. Deve avere pure un caratterino niente male, visto che si è permesso il lusso di rifiutare una collaborazione con Frank Ocean, mica l’ultimo arrivato, per lavorare sul materiale che sarebbe poi finito su The Ooz, in uscita a ottobre per XL Recordings.

↦ Leggi anche:
Traccia: King Krule: Comet Face

Proprio da lì arriva Half Man Half Shark, pezzaccio post-rave culture, post-punk, post-jazz, post-ecc. Girato con un retro-effetto VHS, il video ricorda nostalgicamente gli anni ‘90 – il ragazzo è del 1994: quale nostalgia potrà avere, noi non lo sappiamo… – e l’età dell’oro dei rave party inglesi in cui si ballava per ore, si sudava come porci e ci si drogava a manetta (stabilite voi l’ordine corretto delle tre azioni).

King Krule, novello Elvis Costello post-atomico, è uno dei nostri preferiti, nonostante sia così maledettamente bastardo. Mia mamma lo diceva sempre: mai fidarsi dei rossi, e la politica non c’entrava.

King Krule 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!