Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Gnash: Superlit (feat. Imad Royal)
Numero cinque: gli occhiali rotondi alla John Lennon
↤ Tracce

Gnash e l’hip hop che, forse, non t’aspetti.

Gnash
Superlit (feat. Imad Royal)

Superlit è un pezzo estivo (anche se fuori tempo massimo), allegro, disimpegnato: un motivetto surf-pop su cui Gnash rappa senza troppi virtuosismi. Detto così sembra non ci siano grandi motivi per cui soffermarvicisi. Ah! Incauti!

Numero uno: Gnash è una figura ibrida e non comune: non è un vero rapper, è un autore pop che non può esimersi da flirtare con l’hip hop perché ha ventitré anni, è nato nell’emisfero occidentale e siamo nel 2017. Però rimane un autore pop. La sua fonte di ispirazione principale, dice, sono i Death Cab For Cuties.

Numero due: è americano, viene dai ghetti di Los Angeles, fa hip hop e avrebbe tutta la credibilità per rimare (anche lui) pesante su droga, soldi e sesso. E invece no. Vi ho già detto quella cosa dei Death Cab For Cuties?

Numero tre: Superlit è tratta da un EP che si intitola Us. Probabilmente non sa nemmeno chi sia Peter Gabriel – ma metti che invece sia una sorta di omaggio? Chissà. Ok, questo non è un motivo solidissimo. E allora vai col…

… numero quattro: Gnash ama i “featuring” (sempre per il discorso di cui sopra: ventitré anni, siamo nel 2017, ecc.), ma ha promesso che, a questo proposito, non intende ripetersi. Quindi niente più Olivia O’Brien, la bellissima e legnosissima co-autrice di I Hate I Love U – tormentone multi-platinato il cui alto livello di tormentosità in Italia è stato addirittura sancito dalla partecipazione dei due a Che Tempo Che Fa.

Ecco: uno che rinuncia a ripetere le stesse collaborazioni nonostante il successo raggiunto, e cerca di andare oltre, ci fa immediatamente simpatia.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.