Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Elio E Le Storie Tese: Licantropo Vegano
Tuttavia vige ancora incertezza sullo scioglimento di Mangoni
↤ Tracce

C’è un amore in ogni borsello, ma ancora per poco.

Elio E Le Storie Tese
Licantropo Vegano

È così che finisce?

Non con un “bang”, ma con un garbato ululato?

Con le bolle e le timeline che si riempiono di commenti in cui i “noooo” e i “finisce un’epoca” soccombono rispetto agli “era ora” e i “sono quindici anni che non hanno più nulla da dire”?

Chi gli ha voluto bene sia quando era facile, sia quando lo era un po’ meno, sperava in realtà in un ultimo colpo di reni, un lampo di genio finale che illuminasse a giorno un percorso che non troverà eguali nella musica italiana (… e non solo italiana perché gente, c’è un Paese anche grosso al quale, morto Frank Zappa, tocca accontentarsi dei Tenacious D).

Invece, quest’ultimo supereroe, pallido erede di una stirpe di Supergiovani e di Shpalman, è coerente con la produzione recente degli Alfieri Del Bel Canto: un ennesimo “divertissement”, moderatamente gustoso, con un blando sberleffo alla modernità. Ma non memorabile, e persino poco memorizzabile.

È strano, ma in tanti, troppi brani del post-Feiez che avrebbero potuto giocarsela coi classicissimi del più grande gruppo rock italiano di sempre, è sempre mancato un ingrediente sottovalutato: quel pizzico di dolore vissuto che faceva amare Servi Della Gleba, Tapparella, John Holmes, Cara Ti Amo, Uomini Col Borsello, tutti quei pezzi che almeno un paio di generazioni citano a memoria in automatico. E infatti, manca anche qui.

Ma in fondo la scelta di realizzare una cover come ai vecchi tempi, e di ambientarla a Milano, sembra chiudere il cerchio per il complessino del Magia e del Tangram. Come in un ritorno a casa, dopo un viaggio incredibile.

Perciò, in ogni caso, ovazione finale: addio, e grazie per tutti i phikis.

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.