Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Trio Da Kali And Kronos Quartet: Eh Ya Ye
Da sinistra, Wyclef Jean, Rihanna, Pharrell Williams
↤ Tracce

Che ci fanno, assieme, un quartetto d’archi americano, un trio del Mali e un leader religioso imbroglione? Un pezzo fantastico.

Trio Da Kali And Kronos Quartet
Eh Ya Ye

Un quartetto d’archi americano ubercool, un trio proveniente dall’Africa Occidentale, un leader religioso imbroglione. David Harrington del Kronos Quartet – un’attività ultraquarantennale ai confini della musica contemporanea e oltre – dice che è una delle loro collaborazioni migliori. E chi siamo noi per smentire l’uomo che anni fa incise la madre di tutte le cover di Purple Haze di Jimi Hendrix? Il partner di questa nuova escursione del quartetto d’archi nei territori delle musiche del mondo si chiama Trio Da Kali, gruppo del Mali formato dalla cantante Hawa Kassé Mady con il capobanda e virtuoso del balafon Fodé Lassana Diabaté e Mamadou Kouyaté. Assieme hanno fatto un album titolato Ladilikan (no, non Ladylike) di cui parlano tutti bene, a ragione.

Si scopre, insomma, che il suono di un quartetto d’archi “colto” si sposa benissimo con le trame del balafon e del ngoni e che tutti quanti trovano un terreno comune nel carattere ripetitivo, verrebbe da dire minimalista, della musica. Ascoltare i suoni vividi, la musicalità, il talento, la strepitosa vocalità, i valori espressi in Eh Ya Ye serve a ricordarci che esiste un altro modo di far musica. E poi c’è il testo dove si redarguisce un uomo di religione dell’Africa Occidentale musulmana che afferma di avere il potere di evocare gli spiriti. Morale: «È un male cercare di superare i propri limiti, le menzogne non vanno bene, non si può fare apparire uno spirito con una menzogna». Per un attimo ho pensato che fosse un’allegoria della politica italiana.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.