Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Sparks: Missionary Position
Promemoria: chiedere ad Alberto Angela se l’ippopotamo fa uso della posizione del missionario
↤ Tracce

Solo gli Sparks potevano incidere un inno alla più classica, banale e borghese delle posizioni: quella del missionario.

Sparks
Missionary Position

Ok, avete sentito quella celebre canzone in cui si dice del rapporto orale di Janis Joplin e Leonard Cohen su un letto sfatto del Chelsea Hotel e pure quell’altra sulla bella Nikki che si masturba con una rivista. Robert Plant vi ha pregato di spremergli il limone e i Kiss vi hanno invitato a Lick It Up e anche in fretta ché bisogna cogliere il momento. Alanis Morissette ricordava al suo ex che il cinema era un’altra cosa con lei al suo fianco – o forse dovremmo dire sopra di lui –, mentre Trent Reznor dichiarava piatto piatto di voler «scoparti come un animale». E poi sì, c’è Mick Jagger che cantava delle ragazze di colore che lo vogliono fare tutta la notte, beccandosi del razzista e sessista in un sol colpo. E insomma, il pop e il rock hanno cantato il sesso in mille modi, per non parlare di quelle storielle pruriginose dei Led Zeppelin e del pesce saltato fuori dal Puget Sound oppure del magnifico chitarrista che secondo Frank Zappa usava il perlage dello spumante in modo improprio. Mancava un inno fiero e sincero alla più classica, banale e borghese delle posizioni: il missionario. Ci pensano gli Sparks in una canzonetta dall’andamento marziale in cui, con tono impassibile, ammettono che la posizione è effettivamente passé, ma preferiscono fare affidamento su ciò che è collaudato e affidabile. Gli sperimentatori sono avant garde, ben per loro, ma a letto gli Sparks si sentono tanto, ma tanto neoclassicisti.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.