Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Margo Price: A Little Pain
Margo e lo zio Jesse se la ridono alle spalle dello sceriffo Rosco P. Coltrane
↤ Tracce

Margo Price ti fa viaggiare da Nashville a Memphis in 2 minuti e 55 secondi. E poi dicono che la musica non fa più prodigi…

Margo Price
A Little Pain

I 340 chilometri che separano Nashville da Memphis li si può percorrere anche in 2 minuti e 55 secondi. Margo Price, eroina del country fuorilegge 2.0 accasata presso la Third Man Records di Jack “so-riconoscere-i-talenti” White, lo fa in una canzone d’altri tempi titolata A Little Pain.

Sapete com’è, Nashville è la capitale mondiale della musica country e Memphis il cuore pulsante del vecchio soul. Il bianco e il nero. Miss Price li unisce in un pezzo che la porta in nuovo territorio rispetto al folgorante debutto di Midwest Farmer’s Daughter dove s’impossessava del meglio country anni ’70 e intanto cantava la sua storia di figlia di un contadino alla ricerca di felicità e dignità, possibilmente senza l’aiuto di una bottiglia di qualcosa e magari senza avere al proprio fianco un bastardo d’uomo.

↦ Leggi anche:
Margo Price: Hands Of Time

Nel testo Price cita Levon Helm e offre il ritratto di una «everyday American girl» che si spacca la schiena, una vita tutta lavoro e niente divertimento. Ma in fin dei conti, canta lei con quel suo timbro penetrante e lievemente nasale, un po’ di dolore non ha mai fatto male a nessuno.

Sì, è una canzone fuori da ogni parametro della contemporaneità e non fa per niente figo: e allora?

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.