New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Wolves In The Throne Room: Born From The Serpent's Eye
Black metal che sarebbe piaciuto a Henry David Thoreau

Wolves In The Throne Room
Born From The Serpent's Eye

I lupi di Olympia trascinano il black metal un passo oltre. Sempre.

Ad Olympia le memorie post-punk delle riot grrrls e le camicie da boscaiolo lasciate a terra dai grunge kids della vicina Seattle (che, se non sono morti, si sono notevolmente “ripuliti”) hanno creato un humus fertile per chi non ci pensa affatto, a conformarsi.

Usciti dal ventre oscuro della “rain forest”, arrivano i lupi del Cascadian black metal: quello che negli Usa ha scavalcato i Mayhem a sinistra, ormai da tempo, infarcendo i pezzi di un sulfureo lirismo dark-ambient.

Il clima uggioso dello stato di Washington, non troppo differente da quello norvegese, partorisce ritualità sonore infestate da presenze disturbanti, dove i demoni del Pianeta Terra si materializzano nell’urlo gutturale del rettile satanico.

In questo brano – che anticipa il nuovo album Thrice Woven – il serpente possiede un occhio attraverso il quale il male si rigenera; l’unica via di salvezza è guardarlo in faccia, trasmutandolo in musica. Se ne avete il coraggio.

Wolves In The Throne Room 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!