New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The Struts: One Night Only
Labbra impudiche

The Struts
One Night Only

“Una notte sola”… all’opera? Leggi: giovane (ma non troppo) gruppo inglese sulla scia dei mostri sacri del rock pomposo.

Quante volte avete letto o sentito dire che il gruppo “X” ricorda i Queen, negli ultimi venticinque anni? Non tante, forse, e comunque il paragone è sempre stato troppo altisonante, alla fine. Vedi i Darkness, nonostante i numeri confortanti della loro carriera, o i Foxy Shazam, che pure hanno fatto delle cose interessanti.

Eviteremo perciò di affermare che il nuovo singolo degli Struts deve più di qualcosa a Freddie Mercury & Co. Scomodiamo tuttavia un altro, ehm, peso massimo della musica rock: Meat Loaf. L’attacco di One Night Only non sfigurerebbe tra i capolavori di Marvin (Michael) Lee Aday e Jim Steinman, infatti. Merito anche della bella voce di Luke Spiller, cantante e compositore principale del quartetto.

Glam-hard rock “operistico”, con lo sguardo ai 70’s e sempre a cavallo fra sublime e ridicolo: un sottogenere molto difficile da padroneggiare, ma che sembra scorrere spontaneamente nelle vene dei ragazzi di Derby. Meglio tardi che mai.

The Struts 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!