Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
I The Districts, in un momento di relax sul tour bus degli Interpol

The Districts

If Before I Wake

La prima volta che ho visto i The Districts, erano a Glastonbury 2015. Il pubblico li accoglieva con indifferenza, ma a loro non fregava una mazza. Erano lì per la prima volta in vita loro: sai che problema, l’accoglienza, quando sei di Lilitz, buco di novemila anime in Pennsylvania, e ti è concesso anche solo varcare quei cancelli...

Il frontman, Rob Grote, ricordava un Pete Doherty meno stagionato e un po’ più imbolsito – veramente "uncool". Cantava di viver male, diviso tra due città, e di stazioni in cui incontrare qualcuno che amava. La sua voce era un concentrato di tutto ciò che adoravo, in compenso.

Man mano che il concerto procedeva, notavo che i ragazzi picchiavano duro. Era come se fossero andati a scuola di "old folk" e post-punk, rigurgitandoli sul palco con quella urgenza ormonale che fa grattar le chitarre fino a farle scomparire. Osavano "break" un po’ contorti e improvvisazioni, senza mai perdere la struttura. So di non esagerare, dicendo che agivano da veterani.

Andando poi a curiosare, è venuto fuori che questa band di minorenni aveva già fatto ben due album e tre EP. Sottolineo “minorenni” perché, allora, avevano tutti meno di ventuno anni, e negli Usa vuol dire molto.

L’undici agosto esce il terzo album, Popular Manipulations, anticipato da If Before I Wake (secondo singolo dopo Ordinary Day). Non è gente che si prende sul serio; merita dunque di esser presa sul serio.

Peccato solo per quella voce che, rispetto a un paio di anni fa, pare aver perso un po' di rabbia. Colpa forse della maggiore età.

HVSR per posta: