SDH: Blackened Spoon
Attenti a quei due
 
← Music discovery

Punk rock acidissimo e pressoché estraneo a qualsiasi logica commerciale. Vero punk, insomma.

SDH
Blackened Spoon

Angelo Mora
Angelo Mora

Gli SDH fanno punk attraverso almeno due livelli di lettura. Il primo, quello che salta subito all’orecchio, è evidenziato da un suono acido, frastornante e caratterizzato da una minacciosa e insistita coltre di “rumore” (che non cela del tutto un gusto melodico interessante, tuttavia).

Il secondo, meno immediato ma altrettanto rilevante, è legato al fatto che il duo rietino è quasi completamente avulso alle logiche commerciali della discografia. Si autoproduce (via-Sham Foundation), non suona dal vivo e la sua presenza online ufficiale è ridotta al minimo indispensabile.

Elitari? Non crediamo. Elusivi e irriverenti, forse sì. Nel dubbio, gli SDH prestano grande attenzione alla grafica. Vedi la bella copertina dell’ultimo album Rough Hunger, realizzata da Ilaria “Ila Pop” Novelli: a noi vecchi metallari anni ‘90 ha ricordato quelle dei Cathedral; a voi – che avete studiato arte e girate il mondo per mostre – farà giustamente venire in mente un’opera di Hieronymus Bosch in esplicita chiave erotico-Disneyana (!).

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy